MENU

Sui ponteggi dei restauratori, a Saronno, nella cupola del santuario

11 dicembre 2014 •

Saronno

Nel 1535 Gaudenzio Ferrari iniziò a lavorare al grande progetto della cupola del Santuario della beata Vergine dei Miracoli, a Saronno. Il progetto prevedeva la Madonna che si diparte dalla terra magnificamente ripresa dal racconto della genesi (l’origine dell’uomo, Adamo ed Eva, il peccato originale, la cacciata dall’Eden, la condanna al lavoro, il parto di Eva, Caino che uccide Abele). Maria arriva alle porte del Paradiso ove ad attenderla ci sono profeti e sibille (disegni di G. Ferrari, opere lignee di Oggioni), il Padre Eterno l’accoglie a braccia aperte tra uno stuolo di 126 angeli adoranti, cantanti e musicanti (quest’ultimi sono 57 con altrettanti strumenti musicali, anche inventati, diversi l’uno dall’altro, fonte di studio di musicologi di ogni nazione). Gaudenzio Ferrari, completata la cupola, morì e lasciò il compito di ultimare gli affreschi sottostanti al suo allievo prediletto Bernardino Lanino, che decorerà anche la chiesa del Redentore (1553) demolita per consentire l’allungamento del Santuario.

La cupola è in fase di restauro e fino a domenica 14 è possibile effettuare un percorso sui ponteggi, ammirando da vicinissimo non solo il capolavoro artistico ma anche l’opera dei restauratori.

per info: segreteria@santuariodisaronno.it

P.za Santuario, 1 – Saronno (VA)
Tel. 02 960 30 27 

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »