MENU

Sab 6 – merc 10: dal gregoriano al kletzmer, dall’Oriente agli Appennini

4 agosto 2016 •

trio_web_homeNella prima metà di agosto il festival Voces propone una sequenza di appuntamenti in varie località della Valsassina (provincia di Lecco), alternando come di consueto musica “colta” e tradizione popolare.

La prima data fa parte del ciclo “Voci alte”, che presenta una rassegna di luoghi della montagna italiana ed europea depositari di forti tradizioni musicali. Domenica 7 agosto alle ore 16 presso il Comune di Morterone, uno dei più piccoli comuni d’Italia, i cantori della Val Nure presentano Fra le montagne e il cielo, intonando con le loro voci potenti e generose l’affascinante repertorio canoro dell’Appenino piacentino: sono le musiche provenienti dalle valli della Via del Sale, che collegava la Pianura Padana alla Liguria. Il gruppo è formato da giovani cantori che vivono nel paese di Farini, che continua con successo a tramandare i canti di montagna e di osteria del loro territorio.

Lunedì 8 agosto a Barzio presso Palazzo Manzoni alle ore 21, nell’ambito del progetto speciale “Il libro, la voce, l’immagine” sostenuto da Fondazione Cariplo, appuntamento d’eccezione con il Rhapsodija Trio, un gruppo che fin dagli anni ’90 diffonde a livello nazionale e internazionale la “musica del mondo” unendo brani kletzmer e gitani, tangheade argentine, rilettura dei grandi brani classici e pezzi propri. Musiche di impatto immediato suonate dal violino di Maurizio Dehò, già violinista di Moni Ovadia, personaggio carismatico e grande conoscitore della tradizione popolare est-europea; la chitarra è quella di Luigi Maione, musicista di grande personalità, mentre la fisarmonica di Nadio Marenco è anima pulsante del gruppo, solida base di appoggio per i voli e i virtuosismi dei compagni. Rhapsodija trio è un ensemble straordinario che alterna un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero (Europa, Sud America, Africa) a partecipazioni discografiche, apparizioni televisive, diverse collaborazioni in ambito teatrale e cinematografico, proposte dal mondo della danza, ma anche della lirica, dell’arte, di moda, musica leggera e pubblicità.

Doppio evento infine mercoledì 10 agosto. A Ballabio, alle ore 17, Nel giorno della festa di San Lorenzo martire, i Cantori Gregoriani diretti da Fulvio Rampi, uno dei gruppi più prestigiosi al mondo di canto gregoriano, canteranno nella solenne celebrazione in latino e rito ambrosiano tradizionale dei Vespri ambrosiani del santo, che saranno ospitati nella chiesa di San Lorenzo a Ballabio inferiore.

Sempre il 10 agosto alle ore 21 ci si trasferisce a Taceno nella chiesa di Santa Maria Assunta, dove il celebre organista Giancarlo Parodi, mitico interprete dal repertorio sterminato e dal curriculum che abbraccia le più prestigiose sedi organistiche dei cinque continenti, insieme all’ensemble vocale Antiqua Laus propone Te laudamus: un concerto sorprendente,   che alterna canto gregoriano e ambrosiano   con la musica organistica del ‘700 e dell’800, capace di incuriosire e coinvolgere l’ascoltatore in un percorso poco conosciuto, ma estremamente vario e interessante.

I concerti sono organizzati da Res Musica con il contributo dei Comuni di Ballabio, Barzio, Morterone e Taceno, della Fondazione della Provincia di Lecco, in collaborazione con la Rassegna Organistica Valsassinese.

Ingresso libero.

 Info
Tel 0341 282156 – cell 392 4671504
Email resmusica@alice.it
www.voces.artemusicfestival.it
www.facebook.com

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »