MENU

Monza oltre il Gran Premio: la Villa, la Corona e la Regina che amava i confetti

3 aprile 2015 •

Monza: pochi chilometri da Milano nel cuore della produttiva Brianza per un luogo ricco di arte e storia. Con un Duomo trecentesco; con la Corona Ferrea che custodisce una delle Reliquie più sacre della Cristianità e con altri due gioielli da poco restaurati: la Villa Reale e la Cappella di Teodolinda che da soli varrebbero il viaggio!

Tutti conoscono Monza per l’Autodromo che sorge in un immenso Parco. Eppure in quel Parco, istituito nel 1805 da Napoleone, il circuito non è che uno degli ultimi “ospiti”, insieme a ville, cascine e mulini. La vera star ora è tornata a essere lei: la Villa Reale, una delle più grandi “ville di delizia” disseminate tra i dolci declivi della Brianza.  Il restauro finito nel 2014 l’ha restituita al pubblico come splendido monumento e sede di mostre. L’architetto G. Piermarini la eresse come dimora estiva per Ferdinando d’Asburgo nel 1780. Di quell’epoca resta prova nel Salone da Ballo ornato da trompe l’oeil e da putti a monocromo intenti negli svaghi della corte: musica, arte e anche il gioco della mosca cieca!

Continua a leggere sul sito di ExpoNet

magazine.expo2015.org/it

 

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »