MENU

Milano muore sotto le bombe, conferenza Sabato 14. E seconda puntata sabato 21

10 gennaio 2017 •

 Gianfranco Ucelli, Via Monte di Pietà, 1943

Gianfranco Ucelli, Via Monte di Pietà, 1943

Sabato, nell’ambito della bellissima mostra in corso a Palazzo Morando a Milano, intitolata “Milano, storia di una rinascita“, si terrà sabato 14 gennaio alle 15 una conferenza sui bombardamenti del 1943. Il “vortice di fuoco” pianificato dall’aviazione alleata portò nell’agosto del 1943 morte e distruzione nel cuore antico di Milano. La città fu data per spacciata, ma non morì: perse una parte cospicua del patrimonio edilizio ma riuscì presto a riacquisire il ruolo di capitale economica e culturale della penisola. In molti casi si rinunciò intenzionalmente a ricostruire il modesto tessuto urbano delle vecchie case, inserendo nuove glabre costruzioni in pieno centro. Oggi si rimpiange a ragione ciò che è stato perso, ma – a pensarci bene – la “decostruzione” è in linea con l’anima profonda di Milano: il suo destino è nel divenire, nello stratificarsi, nel mutar pelle, nel mangiare se stessa.

Sabato successivo, il 21 gennaio, seconda puntata, sempre a cura di Valentino Scrima, dedicata all’immediato dopoguerra, con focus sulla ricostruzione: Milano rinasce, esperimenti urbani e speculazione“. Una stagione di intenso fermento edilizio talvolta viziato da interessi speculativi, talvolta guidato da più alti ideali e utopie che produssero esperimenti di varia qualità architettonica e urbana. Excursus su quanto fu fatto e perchè, traccia imprescindibile per comprendere (forse anche riabilitare, alla luce della lettura storica) tanta edilizia degli anni Cinquanta figlia della Guerra.

Palazzo Morando | Costume Moda Immagine via Sant’Andrea 6 – Milano, Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Milano muore sotto le bombe, di Valentino Scrima: sabato 14 gennaio 2017, ore 15

Milano rinasce, esperimenti urbani e speculazione: sabato 21 gennaio 2017, ore 15

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »