MENU

Le case di via Lincoln

25 ottobre 2016 •

Perché ci piace

Perché sembra di essere in Riviera a Milano. Perché tra piccoli i villaggi operai a Milano, questo è il più colorato di tutti. Perché si trova in una zona elegante, dove passeggiare ammirando palazzi, balconi, portoni, in direzione del magnifico Liberty di Porta Venezia (passando per via Poerio, via Goldoni, Via Kramer, Via Pisacane…).

Come arrivarci

Via Lincoln è a pochi passi dalla circonvallazione interna, tra C.so Indipendenza e C.so XXII Marzo. Ci passano molte linee ATM, tra cui tram 9, 12, 23, e bus 60.

lincoln_01

Un angolo di Riviera nel centro di Milano

Alcuni abitanti della zona lo chiamano ancora “il paesino”, anche se è solo una via in piena città, oggi quasi centro. Si tratta di un piccolo villaggio, sorto tra il 1884 e il 1892, che faceva parte di un progetto più ampio di “quartiere-giardino”, mai portato a termine, sorto su un’area dismessa dalle ferrovie. Furono proprio i ferrovieri a raccogliere il capitale necessario alla costruzione delle casette. È il primo nucleo di un esperimento di città ideale, realizzato dalla Società Edificatrice Abitazioni Operaie. Ogni casa ha un giardino, che in origine era un orto che doveva integrare il sostentamento delle famiglie operaie che vivevano in queste villette multicolori. Gli ambienti interni sono piccoli, come in molti altri villaggi operai di quel periodo. È però la vivacità dei colori e l’abbondanza di magnifiche piante, ancora oggi ben curate, a rendere questo villaggio operaio unico nel suo genere a Milano. Le pavimentazioni mantengono il tipico acciottolato lombardo, mentre la via è stata asfaltata.

Il piccolo quartiere mantiene ancora oggi l’atmosfera di un tempo e i proprietari sono in buona parte gli eredi di quelli originari.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »