MENU

L’arte a Milano dai Visconti agli Sforza

28 febbraio 2015 •

 

visconti

La mostra “Arte lombarda dai Visconti agli Sforza” intende celebrare una delle pagine più gloriose della storia della città, che a partire dall’avvento della signoria dei Visconti prima e degli Sforza poi, si affermò come una delle città più importanti d’Europa, cui la città rende omaggio in coincidenza con l’evento di Expo 2015, durante il quale Milano diventerà per cinque mesi il centro del mondo.
L’evoluzione come grande centro manifatturiero e commerciale e la progressiva espansione territoriale ebbero positivi benefici sullo sviluppo economico e culturale della città tanto che dal Trecento alla prima metà del Cinquecento Milano e la sua corte diventarono luogo di incontro di artisti, scienziati e letterati. Fu proprio durante i governi  dei Visconti e degli Sforza che sorsero i più importanti monumenti della città, come il Castello Sforzesco, il Duomo e la chiesa di Santa Maria delle Grazie
La mostra di Palazzo Reale analizza lo sviluppo della società e della cultura milanese e lombarda sottolineando il ruolo che la dinastia dei Visconti e quella degli Sforza ebbero nella crescita del ducato e nel mecenatismo delle arti, che raggiunsero vertici altissimi in tutti campi, dalla miniatura all’oreficeria, dalla vetrata alla pittura, dalla scultura all’architettura.
Un’ampia e ricca selezione di dipinti, importanti documenti storici provenienti dagli archivi di stato, codici miniatipiante e monete antiche ci racconteranno l’antica e sempre attuale vocazione internazionale di Milano, dove, grazie all’azione illuminata di personaggi come Azzone Visconti e Ludovico Sforza, le maestranze locali poterono entrare in contatto con artisti del calibro di Giotto e Leonardo, cui saranno dedicate altre due eccezionali rassegne, sempre nella sede espositiva di Palazzo Reale

Milano, Palazzo Reale, dal 12 Marzo 2015 al 28 Giugno 2015

www.viscontisforza.it

Telefono per info 02 884 6523045181

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »