MENU

La Centrale elettrica di Verampio

4 settembre 2017 •

100km_PEDIA

Acque che portano ricchezza

La Centrale Elettrica di Verampio

La Centrale Elettrica di Verampio, P. Portaluppi

Per alcuni Verampio non è soltanto un nome che ha a che fare con la geologia, ma si lega a un insigne monumento di archeologia industriale: la Centrale Idroelettrica di Verampio. Il senatore Ettore Conti, magnate del settore, nonché primo presidente di Agip, la volle costruire tra il 1912 e il 1914, nel punto in cui il Devero confluisce nel Toce.

Prima Centrale della Valle Antigorio, è anche una delle più vetuste d’Italia, sorta prima che l’architetto Piero Portaluppi al quale il suocero Conti l’aveva commissionata, realizzasse anche quella superiore di Crego, del 1919.  Conti fu il primo a sfruttare l’abbondanza e la potenza delle acque di questa zona, lasciando oltre che un’impronta importante nell’economia locale, anche una traccia monumentale della sua impresa. Come tipico del Portaluppi, la Centrale di Verampio si rifà a modelli eclettici, con le sue torrette e i beccatelli di coronamento, che simulano un cammino di ronda. I rivestimenti a bugnato in pietra locale si animano di decori geometrici graffiti che denunciano la vena colta, ma anche ironica, di questo geniale architetto.

Volete saperne di più su Ettore Conti e Piero Portaluppi? Allora andate a Milano, alla Casa degli Atellani, dove entrambi vivevano: vi sorprenderà!

 

100Km_Arrow_Back

Il Giardino Glaciale degli Orridi di Uriezzo

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »