MENU

IN BICI SULLA MARTESANA, DA CASSINA DE’ PECCHI ALL’ADDA

22 agosto 2016 •

Cascina Regoledo, a Cassano d’Adda

Pedalando tra ville, chiese, ponti, paesi e splendide campagne

Descrizione itinerario  100KM__Icona_Azzurro  100km_Icona_Bimbi_OK 100km_Icona_Lowcost_OK

martesana_mappa

Di Paolo Patanè

La ciclovia della Martesana parte da Milano – in fondo a via Melchiorre Gioia – e arriva all’Adda, a Trezzo, costeggiando tutto il corso dell’omonimo naviglio 100km_PEDIA. È lunga 35 km, tra andata e ritorno, e per i bambini o i ciclisti poco allenati è un po’ tanto. Ma c’è il trucco: il suo percorso corre quasi interamente in prossimità della linea MM2, fino a Gessate, che si trova a pochi chilometri da Cassano d’Adda. Noi vi proponiamo la seconda parte, che secondo noi è la più bella, ma potete organizzarvi la gita come meglio credete, anche perché al ritorno, se siete stanchi, caricate le biciclette sulla metropolitana e rientrate a Milano.

La nostra pedalata parte da Cassina de’ Pecchi, sia perché la distanza ci pare alla portata di tutti, sia perché è una delle poche fermate che si trovano esattamente sul percorso della ciclovia. Scendete dalla metro e salite in sella. Partendo da Cassina si inizia a pedalare in uno scenario che si fa via via meno urbanizzato, anche se si attraversano ancora diversi centri abitati. Dopo 3 km siete a Gorgonzola, che riconoscerete anche per l’antico ponte di legno che attraversa il naviglio, proprio nel centro del paese. Pochi metri dopo avere passato il ponte, sulla destra, c’è l’entrata di un parco pubblico molto bello, il parco Sola-Cabiati, con grandissimi alberi secolari, ideale per un pic-nic o una pausa, nel caso foste già stanchi…

Proseguendo lungo la ciclovia, per qualche chilometro attraversate una zona di campi aperti, punteggiati di cascine e, ogni tanto, un ponticello. Le distanze sono indicate frequentemente sulla pavimentazione stessa del percorso. All’altezza di Bellinzago il corso del Naviglio gira a destra, ma non potete sbagliarvi. Da qui, a nostro giudizio, inizia il tratto più bello. Dopo 6 km da Gorgonzola arrivate a Inzago, paese dal bel centro storico, famoso per le sue ville di delizia. Sono tutte private e non visitabili, ma alcune sono visibili dal naviglio, come la famosa villa Aitelli; altre le potete vedere dall’esterno, facendo una piccola deviazione dal percorso. Riprendendo la ciclovia il paesaggio si fa sempre più verde e si ha quasi la sensazione di avvicinarsi al grande fiume.

Dopo 3 km arrivate a Cassano d’Adda, dove il naviglio devia verso nord con un angolo di 90°. Dopo poche centinaia di metri, guardando sulla destra, potete intravedere le acque del fiume e, se volete, fare una piccola deviazione per vedere la presa della Muzza, un altro grande canale lombardo, che inizia il suo corso proprio qui. Ma questa sarà un’altra puntata… Dopo circa 300 m c’è un bivio. A sinistra potete proseguire lungo la Martesana, fino alla presa di Trezzo d’Adda, sono circa 7 km. Noi vi consigliamo di farlo, anche perché, passato Vaprio d’Adda, vedrete il villaggio operario di Crespi d’Adda, patrimonio UNESCO, sull’altra sponda del fiume. È raggiungibile con un ponte (potete vedere nostro itinerario dedicato a Crespi d’Adda nelle informazioni pratiche). A destra un breve discesa vi porta direttamente al fiume, in un punto molto bello, con grandi prati e punti attrezzati per grigliate. Sulla sinistra si vede un ponte, raggiungibile facilmente lungo la ciclovia dell’Adda, che costeggia il fiume. Dal ponte la vista sulle acque del fiume è spettacolare.

Per il ritorno, se non volete tornare fino a Cassina de’ Pecchi potete fermarvi a Gessate, la stazione è ben indicata, sulla destra, all’altezza di un ponte, ma attenzione, dovete percorrere circa un chilometro fuori dalla ciclabile, su strade ordinarie. In alternativa, potete andare alla stazione di Cassano dove passano treni regionali e la line S6 del passante ferroviario, che vi riportano comodamente a Milano con le vostre biciclette.

 

 

Itinerari collegati

Crespi d’Adda, tra feudo e villaggio operaio
Fiume Adda, l’incredibile potenza dell’acqua

 

100KM_H_Informazioni_NEW

Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »