MENU

Il Cristo-Vite e il putto che fa pipì

9 giugno 2016 •

Il Cristo Vite

Il Cristo Vite domina la parete con le Storie di Santa Barbara

Complesse simbologie del Cinquecento

Ego sum Vitis, vos Palmites”: questo è il passo del Vangelo di Giovanni che si legge a coronamento della scena, in corrispondenza della grande figura del Cristo. Sopra di lui, i tralci che si dipartono dalle sue dita si prolungano sulla copertura, formando un pergolato entro cui giocano putti e angeli intenti nella vendemmia. Uno di questi, con il gesto del fare pipì, rappresenta, secondo la tradizione, un’allusione al valore salvifico dell’acqua del Battesimo. Il putto è posto in corrispondenza di una figura che appare, nella parete sottostante, in aperto contrasto con il resto della scena e che la tradizione identifica con Lotto. Poiché in alchimia l’urina dei fanciulli è detta “lot”, il putto potrebbe costituire un’allusione al nome dell’artista.

 

100Km_Arrow_Back

L’Oasi WWF di Valpredina e l’Oratorio Suardi di Trescore Balneario

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »