MENU

GENEROSO TICINO: DIGHE, CENTRALI E CANALI DA SOMMA LOMBARDO A TORNAVENTO

12 settembre 2014 •

Vizzola Ticino: dalla Bonifica Caproni alla Centrale

Seconda tappa (in verde nella Mappa)

Riprendete l’auto e dalla SP 52, all’altezza dell’Aeroporto di Malpensa, deviate a destra, seguendo per Vizzola. La strada vi condurrà verso la monumentale Villa Malpensa (ora adibita a hotel). L’elegante pensilina che incornicia l’ingresso principale è quella della vecchia Stazione Centrale di Milano. Stupisce trovare in un luogo un po’ isolato un edificio tanto sontuoso: era la villa sorta negli anni Venti come sede per uffici dell’Industria Caproni. In effetti, dove la via curva, si scorge un grande cippo sormontato da un’aquila con la scritta “Bonifica Caproni”. Ricorda l’intervento attuato dai Caproni, per convertire questa brughiera in terreni coltivabili. Nel 1911, Gianni Caproni100Km_Focuson aveva avviato a Vizzola una fabbrica di aeroplani e una scuola di aeronautica. Nei pressi dei capannoni, oggi divenuti sede del parco tematico Volandia, l’industriale aveva eretto la propria Villa e le case per i dipendenti, creando il singolare borgo di ispirazione medievale di Vizzola. Fa parte di questo intervento anche l’elegante Torretta per l’acqua che si erge subito dietro la Villa Malpensa.

Dalla villa, seguendo le indicazioni per il Campo Prove Pirelli (via Roma-Strada del Salvetto), si raggiunge la Centrale Idroelettrica di Vizzola Ticino. L’edificio fu eretto nel 1938 da G. Muzio, ma fu solo l’ultimo tassello di lavori avviati nel 1901 con la realizzazione del lungo Ponte Canale della Prima Centrale di Vizzola. La monumentale sequenza di archi vi apparirà all’improvviso sulla strada. Sul retro della centrale, nei pressi della pista ciclabile, si scorgono sia gli scivoli di scarico dell’acqua in eccesso, sia le 4 conche di navigazione (in disuso) che permettevano di superare un dislivello di oltre 30 metri!

Tornavento e la sua terrazza

Terza tappa (in azzurro nella Mappa)

Vi proponiamo infine di concludere questa immersione nel Ticino produttivo con una sosta nella piazza Parravicino a Tornavento100Km_Focuson. Ci arrivate riprendendo la SP 52 verso sud per pochi chilometri e, all’altezza di Tornavento, svoltando a destra in via Goldoni. La piazza Parravicino si trova in fondo alla via.

È una tappa molto panoramica, che può darvi la vera dimensione del grande fiume. Tornavento infatti è posta su una terrazza affacciata sull’immensa piana alluvionale del Ticino. Da qui lo sguardo può abbracciare le magnifiche anse del fiume, con l’intrico di canali che serpeggiano nel verde e sullo sfondo, la cornice delle Alpi che si estende dal Monviso al Monte Rosa. Sotto di voi, è lo stesso Canale Villoresi che abbiamo visto “nascere” a Somma Lombardo mentre, a sinistra, si scorge la possente Centrale Idroelettrica di Tornavento. L’edificio sorse nel 1943 in sostituzione di una precedente Centrale Termica (non più esistente), sfruttando un salto di ben 7 metri, compiuto dal Canale Industriale che alimenta le centrali di Turbigo.

Ma questa è materia della prossima puntata: Ticino, to be continued!

100KM_H_Informazioni_NEW

Fotogallery

Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

One Response to GENEROSO TICINO: DIGHE, CENTRALI E CANALI DA SOMMA LOMBARDO A TORNAVENTO

  1. estimatissimi da anni dipingo siti di “archeologia industriale”,dalla cntrale termoelettrica della Mascioni s.p.a di Cuvio,alle cementerie Colacem di Gubbio e Caravate.Le birrerie Liberti di Induno O.nel 2008 una mostra sempre nel museo int. di Cerro di Laveno M.con la ricostruzione pittorica delle ceramiche.Tutto è visibile su museo Midec.Ultimamente sto preparando alcuni dipinti anche sul vostro sito.La mia è solo passionalità espresiva e senza fine lucroso.Sarà possibile per Voi pubblicare qualche mia opera?Porgo distinti saluti Vincenzo Morlotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »