MENU

Dal 16 marzo Caravaggio torna a Monza con la Flagellazione!

15 marzo 2016 •

Caravaggio-Flagellazione-di-Cristo-2

Apre i battenti il 16 marzo 2016 il secondo appuntamento che vede la Villa Reale di Monza teatro di una delle personalità più importanti e affascinanti della storia dell’arte: Michelangelo Merisi da Caravaggio.

Già un anno fa, a pochi mesi dall’inaugurazione della villa dopo il recente magnifico restauro, vi era stato ospitato il suo San Francesco in meditazione, riscuotendo grande successo di pubblico.

Per il 2016, grazie alla rinnovata collaborazione tra il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza e Il Cittadino di Monza e Brianza,  è stata scelta un’opera proveniente dal Museo Nazionale di Capodimonte di Napoli, una delle città chiave nel travagliato vagare dell’artista: La Flagellazione di Cristo. Eseguita intorno al 1607 per la potente famiglia De Franchis, l’opera appartiene al soggiorno del pittore presso la città partenopea, quando sotto la protezione dei Colonna, esponenti di spicco dell’aristocrazia romana, era stato da questi raccomandato ai Carafa Colonna, ramo laterale napoletano della famiglia.

La grande tela (circa 3x2metri!), che avrebbe dovuto ornare la chiesa di San Domenico maggiore a Napoli, costituisce uno degli esiti più alti del pittore, confrontabile con le Sette Opere di Misericordia esposte sempre a Napoli.  Complessa e misteriosa, come molte opere del Caravaggio, la tela napoletana è inserita in un percorso di visita che oltre a inquadrarne le caratteristiche, presenta anche la figura dell’artista e i suoi numerosi spostamenti tra Napoli, Malta e la Sicilia.

L’accesso all’opera e alla mostra, allestita nel Salone da Ballo della Villa sarà gratuito e supportato da contenuti di approfondimento visibili grazie a QRCode.

 

DOVE: Villa Reale di Monza, via Cesare Battisti, Monza

QUANDO: dal 16 marzo al 17 aprile 2016, martedì-domenica: 10.00 -19.00; venerdì: 10.00 – 22.00 (ultimo acceso: un’ora prima della chiusura)

COME: acceso gratuito alla mostra

LINKwww.reggiadimonza.it

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »