MENU

Fontana del Vàgine a Bergamo

24 giugno 2014 •

I muraglioni di via Boccola: la Fontana del Vàgine

100km_PEDIA

box Fontana del VàgineTra gli archi possenti che reggono il complesso del Carmine si apriva un tempo la Fontana del Vàgine. Nel XIII secolo era una delle 17 fonti che rifornivano di acque gli abitanti della città, una per quartiere, facendo di Bergamo una vera città di Fontane. Questa risalirebbe addirittura all’epoca romana, anche se la veste scarna e fatiscente con cui si presenta oggi la riconduce al periodo medievale. Come le altre di quel periodo era formata da un serbatoio sul retro e da un’anta per la pulizia. Indispensabili per la sopravvivenza della cittadella, le fonti diverranno motivo di orgoglio civico sotto la dominazione veneziana, arricchendosi di decori sontuosi di cui resta testimonianza la Fontana Contarini (1780) di Piazza Vecchia. Sotto il Portico dell’Ateneo, in via Donizetti, invece si trova il Fontanone, enorme cavità scavata nella roccia nel 1342 come riserva d’acqua da usare in caso di assedio.

100Km_Arrow_Back

BERGAMO NASCOSTA

 

Print Friendly

I commenti i sono chiusi

« »