MENU

BA Film Festival, a Busto Arsizio, fino al 25 marzo

18 marzo 2017 •

Cosa fare nel weekend a Milano & Dintorni

A5 Baff 2017

Dal 18 al 25 marzo 2017 si terrà a quindicesima edizione del B.A. Film Festival, organizzato da B.A. Film Factory e dal Comune di Busto Arsizio, con l’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni, e diretto per il quarto anno da Steve Della Casa con la collaborazione di Paola Poli.

Ospite della serata inaugurale sarà l’attore e regista Carlo Verdone, che verrà insignito del Premio Platinum Dino Ceccuzzi all’eccellenza cinematografica e che, come nella migliore tradizione del BAFF, condividerà con il pubblico aneddoti, passioni, ricordi e progetti.

Dopo i tributi a Mario Monicelli e a Dino Risi, in questa edizione il Baff renderà omaggio al genio di Totò a cinquant’anni dalla scomparsa, con la proiezione di Uccellacci e uccellini di Pier Paolo Pasolini.

Asse portante del festival è la rassegna Made in Italy, con anteprime cinematografiche e un’attenzione particolare alle nuove produzioni, anche di documentari, tra film d’autore e derive pop. Da segnalare l’anteprima di Slam di Andrea Moliaoli, ma molte altre saranno le proiezioni tra cui: Orecchie di Alessandro Aronadio, Monte di Amir Naderi, Pino Daniele. Il tempo resterà di Giorgio Verdelli, Senza Lucio di Mario Sesti.

Al Baff 2017 anche una serata tutta al femminile, con la proiezione del cortometraggio Inside di Eliana Miglio e del film Strane Straniere, diretto da Elisa Amoruso e presentato all’ultimo festival di Roma, storia di donne che ce l’hanno fatta.

Novità di questa edizione il concorso Baff Short Cuts dedicato ai cortometraggi, organizzato in collaborazione con Rai Cinema Channel, con Veronica Pivetti presidentessa di giuria, insieme ad alcuni studenti dell’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni.

Con l’avvocato Ennio Amodio, Gianni Canova (critico cinematografico), Carmelo Leotta (Presidente del Tribunale di Busto) e il giornalista Gianluigi Nuzzi si discuterà invece di Estetica della giustizia penale. Prassi, media, fiction.

Al Baff 2017 verrà inoltre presentata l’edizione zero del MIBArt Multimedia Festival, organizzato dall’associazione Castello 13 e da BA Film Factory, un progetto dedicato all’Arte Multimediale, alla Videoarte, all’Arte Digitale e al Videomapping.

In collaborazione con AFI e Festival Fotografico Europeo, verrà proposta la mostra Gli anni della Dolce Vita, un raccolta di fotografie in bianco e nero scattate da maestri come Mario Giacomelli, Mario De Biasi, Nino Migliori, Gianni Berengo Gardin, Elio Ciol, tra la fine degli anni ’50 ed il 1968. La mostra restituisce uno spaccato della vita italiana dall’immediato secondo dopoguerra fino al post boom economico degli anni’70.

Fondamentale, infine, la sinergia con l’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni, di Busto Arsizio, sede di Masterclass e centro di produzione dei video che documentano il festival.

Oltre che nelle quattro sale cinematografiche del circuito Sguardi d’Essai – Fratello Sole, Manzoni, Lux e San Giovanni Bosco – e al teatro Sociale Delia Cajelli di Busto Arsizio, alla sala Ratti di Legnano e al cinema Nuovo di Castellanza, il Baff 2017 farà tappa con alcune iniziative anche a Milano, al cineteatro San Carlo MiMat e al cinema Mexico.

L’ingresso a tutti gli eventi è gratuito

Abbiamo citato solo alcune delle iniziative, trovate tutto il programma sul sito del festival: www.baff.it

 

 

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »