MENU

ABBADIA LARIANA, IL BAGNO NEL LAGO (IN TRENO)

13 agosto 2016 •

Parco Ulisse Guzzi

La spiaggia è una striscia di ghiaia fine e di sassi che si allunga sul lago per circa 200 metri, con una bella zona a prato ombreggiata da ulivi e salici. È a ingresso gratuito e attrezzata con bar, servizi igienici, area pic nic e campo da beach volley. Dalla stazione dista proprio pochi minuti.

Parco Chiesa Rotta

Altra struttura pubblica con ingresso gratuito, è la spiaggia più ampia di Abbadia (circa 50 metri). Parzialmente piantumata, alterna anch’essa ampi spazi erbosi a zone a bordo lago in ciottoli chiari. Bar, ristorante, servizi igienici, docce, giochi per i bimbi, noleggio sdraio, canoe e pedalò rendono questa spiaggia degna sorella di quelle marine. Per contro, data l’ampiezza, la spiaggia accoglie anche eventi musicali che attirano un pubblico di giovani, ma la rendono a volte anche un po’ chiassosa. Dalla stazione dista dieci-quindici minuti a piedi di passeggiata lungo il lago.

E se il tempo cambia, tre proposte diverse

Un’alternativa da tenere di scorta se il tempo cambia? Ve ne proponiamo tre, tutte facili, da scegliere a seconda che vogliate continuare a star comodi (il battello), che vi piaccia l’avventura (il trekking) o che non possiate fare a meno di un po’ di cultura (il museo).

…per una divagazione culturale

A poche centinaia di metri dal Parco Chiesa Rotta, si può visitare il Museo del Setificio Monti100Km_Focuson, dedicato alla produzione della seta. Vale la visita soprattutto per il grandioso torcitoio circolare (macchinario che torcendo il filo di seta, gli conferiva maggiore resistenza). Ha un diametro di 5 metri e un’altezza di 11: dimensioni enormi, che gli permettevano di servire ben 972 fusi!

Culla dell’industria serica, il lecchese (come il comasco) conserva ancora molti complessi di archeologia industriale sorti per il settore tessile. Il Setificio Monti è uno di questi, fondato nel 1818 dalla famiglia Monti per la torcitura della seta, proprio nei pressi di quel Torrente Zerbo che forniva la forza motrice per i macchinari.

…per una divagazione naturalistica

Alle spalle di Abbadia Lariana ci si può addentrare per una breve passeggiata (un’ora circa) lungo la Val Monastero100Km_Focuson. Il percorso è abbastanza agevole (anche se non perfettamente segnalato) e si addentra lungo le mulattiere su per una valle poco abitata ma molto piacevole. Si parte dal Parco Chiesa Rotta (itinerario nella mappa) con direzione Linzanico e da qui si risale la valle, tra boschi ombrosi e ampi pianori con vista lago. La meta è la Cascata Cenghen che compie un suggestivo salto di 50 metri fra le rocce, per buttarsi in una piccola pozza fresca. Il percorso verso la cascata incrocia il Sentiero del Viandante, la via, forse di origine romana, che fino all’Ottocento collegava Lecco a Colico. La prima parte del Sentiero, fino a Mandello del Lario, è pianeggiante e pertanto si presta, fra scorci panoramici, per una facile passeggiata alla portata di tutti.

E infine una divagazione… comoda

Abbadia Lariana è una delle località del Lario servite dai battelli della Navigazione Laghi. Dall’Imbarcadero (via Lungolago) situato presso il Parco Chiesa Rotta, potete raggiungere comodamente i tanti pittoreschi paesi costieri, godendo dell’impareggiabile vista del lago dal lago.

A Bellagio, sulla punta da cui il lago si ramifica nei due rami di Como e Lecco, si concentrano tante bellissime ville monumentali arricchite da splendidi giardini. Il paese che ha incantato Stendhal e Liszt, dista da Abbadia circa un’ora ed è l’interscambio obbligato se volete puntare alle località rinomate del ramo comasco o dell’alto Lario. Le tratte più interessanti sono però piuttosto lunghe (anche oltre due ore).

Quelle raggiungibili da Abbadia entro un’ora sono invece le località del lecchese.

100KM_H_Informazioni_NEW

Fotogallery

Continua a leggere

Print Friendly, PDF & Email

One Response to ABBADIA LARIANA, IL BAGNO NEL LAGO (IN TRENO)

  1. Marta scrive:

    Complimenti per il sito! E’ bellissimo e pieno zeppo di bellissime idee!
    Anche io, in piccolo, ci provo a promuovere il territorio attraverso il mio blog sul Lago di Como. Continuo a seguirvi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »