MENU

100km di Gusto – Il Fagiolo Borlotto di Gambolò

27 luglio 2016 •

a cura di Cia Mi-Lo-Mblogo_cia_mi

Gusto-fagiolo-gambolo

I fagioli sono stati per molto tempo la principale fonte di proteine per coloro che non potevano permettersi di acquistare la carne: per questo motivo, fanno parte della tradizione culinaria lombarda. Nell’area agricola di Gambolò, in provincia di Pavia, e nei comuni circostanti, si coltiva il Fagiolo Borlotto di Gambolò, una varietà a portamento rampicante, la cui produzione è quasi completamente manuale.

E’ caratterizzato dall’inconfondibile baccello rosso, con screziature color crema; i semi sono di media dimensione, di colore rosso arancio, con sfumature rubino. Negli ultimi anni la sua produzione ha subito un declino, rischiando l’estinzione. Per questo, la Pro-Loco di Gambolò ha promosso un progetto per il recupero del prodotto, selezionando il seme originario e distribuendolo ai produttori interessati.

La coltivazione del Borlotto di Gambolò è svincolata dai metodi e dalle quantità produttive della grande distribuzione: la semina avviene ad aprile con metodi tradizionali, e la pianta, rampicante, è coltivata utilizzando dei supporti a quattro piedi di legno. La raccolta avviene dall’inizio di luglio fino alla fine di agosto.

Dal 2000, ogni anno è organizzata la sagra del Fagiolo Borlotto di Gambolò, dove è possibile gustare i piatti tipici della tradizione a base di questo prodotto. Dal 2006, inoltre, è stato riconosciuto come prodotto tradizionale lombardo.

A cura di Confederazione Italiana Agricoltori MI-LO-MB

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »